Details

Il pandoro di Verona non ha bisogno di presentazioni. Insieme al panettone, infatti, è il dolce natalizio per eccellenza. Prepararlo in casa non è semplice ma nemmeno impossibile, solo un pochino impegnativo. Vediamo in questo tutorial come fare.

Ingredienti per il lievitino
60 g di acqua tiepida
10 g di zucchero semolato
50 g di farina manitoba w-350
1 rosso d’uovo a temperatura ambiente
13 g di lievito di birra fresco

Ingredienti per il primo impasto
Lievitino
225 g di farina manitoba
1 uovo intero medio a temperatura ambiente
30 g di burro a temperatura ambiente
25 g di zucchero semolato
5 g di lievito di birra fresco
15 g di acqua tiepida (per sciogliere il lievito)

Ingredienti per il secondo impasto
Primo impasto
225 g di farina manitoba
100 g di zucchero
2 uova intere
Un pizzico di sale
Scorza grattugiata di un’arancia
Un baccello di vaniglia o essenza di vaniglia

Ingredienti per la sfogliatura
Farina 00 q.b.
140 g di burro

Procedimento per il lievitino

Sciogliere il lievito in acqua tiepida, quindi aggiungere il tuorlo e lo zucchero e mescolare. Versare la farina setacciata in una ciotola e aggiungere la parte liquida del lievitino appena preparata, quindi mescolare bene fino a ottenere un composto uniforme e leggermente cremoso. Coprire con della pellicola trasparente e far riposare nel forno spento per circa un’ora.

Procedimento per il primo impasto
Versare il lievitino nella planetaria, quindi aggiungere il lievito sciolto in acqua, l’uovo, lo zucchero e la farina. Lasciare da parte il burro. Impastare per dieci minuti. Quando l’impasto si è ben compattato, aggiungere il burro tagliato a pezzetti. Una volta che l’impasto avrà assorbito completamente il burro, coprire il contenitore con la pellicola trasparente e lasciarlo riposare in forno per circa un’ora e mezza, finché non avrà raddoppiato il suo volume.

Procedimento per il secondo impasto
Prendere il primo impasto, che andrà rimpastato con la planetaria insieme alle uova, allo zucchero, al sale, all’arancia, ai semi della vaniglia e alla farina in questo ordine. Impastare fino ad amalgamare bene tutti gli ingredienti (circa 10 minuti). Coprire con la pellicola e far lievitare in frigorifero per 3 ore.

Procedimento per la sfogliatura
Prendere l’impasto lievitato dal frigorifero e farlo riposare per mezz’ora nel forno spento.
Cospargere di farina il piano da lavoro, meglio se un’asse di legno, e stendere l’impasto con il mattarello e dargli una forma rettangolare.
Aiutandosi con una spatola, coprire tutta la superficie dell’impasto con dei fiocchetti di burro. Richiudere l’impasto su se stesso, allungarlo leggermente chiuderlo di nuovo su se stesso, allungarlo ancora delicatamente e ripiegarlo un’altra volta, lasciando un buco nella parte centrale.
Imburrare completamente uno stampo per pandoro e un po’ anche l’impasto. Mettere l’impasto nello stampo con la parte “brutta” rivolta verso l’alto. Far lievitare in forno spento dalle 5-6 alle 8-9 ore, finché non sarà aumentato arrivando fin oltre il bordo dello stampo.

Per la cottura, preriscaldare il forno a 200 °C, infornare e abbassare la temperatura a 170 °C. Far cuocere così per 10 minuti, poi abbassare ancora di 10 °C e lasciare cuocere per circa 40 minuti. Osservare spesso il pandoro e quando inizia a brunirsi, metterci sopra un foglio di alluminio e lasciarlo fino alla fine della cottura.

Togliere il pandoro dal forno e, lasciandolo nello stampo, metterlo capovolto su un piatto. Avvolgere in un panno e mettere a raffreddare per qualche ora (sul terrazzo in inverno va benissimo, altrimenti in frigorifero).
Dopo aver raffreddato completamente il pandoro, scaldare lo stampo per due minuti in forno per poterlo togliere agevolmente.

Cospargere il pandoro di zucchero a velo e metterlo in un sacchetto di plastica. Sono perfetti i sacchetti usati per la frutta e la verdura al supermercato. Chiuderlo benissimo e far riposare per 7-8 ore.

Prima di consumare il pandoro, aggiungere altro zucchero a velo, quindi tagliare e servire.

Lascia un Commento